Edizione 2010

Il Premio 2010 apre con Marco Saltatempo, il vincitore dell’edizione 2009. Di buon auspicio per i vincitori di questa edizione 2010 del Premio Poggio Bustone: primi classificati i Turikish Cafè con la sonorità rotonda e ricca di Amore viola profondo (il premio consiste nella realizzazione di un videoclip con Sfumature di Viaggio); una band dalle Marche si è aggiudicata il premio anche come anche miglior cover con Una giornata uggiosa (un premio assegnato dalla Riserva Naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile). Secondo classificato Luigi Negroni con Non vinceranno più gli eroi a cui va la produzione di un brano con l’etichetta discografica ISI PRODUZIONI. Il terzo premio (un buono di 300 euro per l’acquisto di strumenti musicali di “Musicisti” di Rieti) va a Francesca Romana che si aggiudica anche il Premio alla Personalità artistica, con Io e Biancaneve, categoria emergenti (una borsa di studio di 1000 euro assegnata dalla Fondazione Varrone). Vero e proprio fiore all’occhiello del Premio.

Tutti i vincitori e non solo hanno sottolineato, anche dal palco, la dolce e appassionata accoglienza di un popolo di persone per le quali l’arte e l’artigianato artistico sono dati fondamentali di un vivere quotidiano.
Non a caso i vincitori sono stati invitati per il prossimo 9 settembre, data in cui il Comune di Poggio in collaborazione con l’Associazione Musicale Poggio Bustone ha organizzato una grande serata in occasione del dodicesimo anniversario della scomparsa di Battisti.

Grande protagonista della serata Francesco Baccini, con le sue Donne di Modena: a lui, artista tutto tondo, musicista, attore e molto altro, è andato il Premio alla Personalità Artistica che da due anni viene assegnato insieme alla Camera di Commercio di Rieti, oltre che agli artisti partecipanti, anche ad un nome della musica italiana completo nella poliedricità artistica. Baccini, musicista e cantautore di successo con una carriera lunga oltre 20 anni, da tempo è anche un attore, col lungometraggio di ZOE, premiato al Salento film festival, al Terra di Siena Film Festival al Miff Milano International Film Festival a Nuova Dheli e a Bangalore in India riconosciuto dal ministero film d’essai, di cui BACCINI è anche autore delle musiche e il corto di “Nero fuori”, selezionato anche da Cortisonici per partecipare al NewItalian Film&Art Festival di Seul, che si svolgerà nella capitale sud coreana dal 14-20 settembre. Il prossimo ottobre Baccini riceverà direttamente dalle mani di Rutger Hauer (Blade Runner) il premio come migliore attore rivelazione al I have seen film international.

Un’iniziativa fortemente voluta dal Direttore Artistico Maria Luisa Lafiandra, grazie al contributo della Camera di Commercio di Rieti, che vuole valorizzare quella creatività che capace di esternare la propria sensibilità in molteplici forme, musicali, ma anche teatrali, cinematografiche, fotografiche. Dal 2009 è stato aperto un Albo d’Oro: oltre ai concorrenti in gara, viene cioè premiato un nome della storia artistica e musicale italiana che sia stato significativo in tema di personalità artistica. Primo a ricevere questa menzione il purtroppo defunto Nicola Arigliano.

Ricordiamo che la Giuria era formata da Franco Fasano (autore fra gli altri di Mina, Leali, Oxa, Arigliano, Presidente della Giuria), Luciano Torani (arrangiatore e produttore, fra gli altri, di De Gregori), Claudio Formisano (DISMA MUSICA), Claudio Ricci (musicista professionista, docente del Saint Louis), Antonello Oliva (giornalista, critico musicale e sceneggiatore), Alessandro Mezzetti (Ass. Provincia Rieti), Gianfranco Formichetti (Ass. Cultura Comune di Rieti).